Empoli. Termosifoni rotti, studenti in piazza

363

Ieri mattina, 22 dicembre, circa venti classi del liceo Virgilio di Empoli si sono rifiutate di entrare a scuola, a causa della rottura dei termosifoni e del conseguente freddo che regna sovrano nelle aule in particolare della parte dell’Artistico.

Gli studenti sono partiti da una delle quattro sedi della scuola e, attraversando il centro, sono arrivati fino a quella centrale per ottenere un incontro con il preside e chiedergli di assumersi le sue responsabilità. Responsabilità che ha rimbalzato alla Città metropolitana, sperando forse di spuntarla.

Invece gli studenti, esasperati dalla situazione e determinati a risolverla, si sono messi in contatto con le autorità competenti, che a loro volta hanno rimandato la palla al preside, il quale, messo davanti all’urgenza di risolvere il problema da parte degli studenti, non ha potuto far altro che concedere la chiusura delle aule in cui il riscaldamento non funziona.

Un folto corteo molto determinato ha quindi ottenuto una prima vittoria, ma gli studenti empolesi parlano chiaro: “Non ci fermeremo fino a quando tutti potranno fare lezione in una situazione più dignitosa!”.