Il Comitato di Resistenza ASL di S.Rosa presenzia al Consiglio comunale

283

Questo pomeriggio una ventina di abitanti di San Frediano e dell’Isolotto, riuniti da qualche settimana nel Comitato di Resistenza ASL di S.Rosa, si sono dati appuntamento a Palazzo Vecchio in occasione della seduta del Consiglio comunale. All’ordine del giorno un’interrogazione all’assessore PD al Welfare e alla Sanità, Sara Funaro, in merito all’ipotesi di chiusura del presidio sanitario.

Come al solito l’assessore, già conosciuta in città per le sue politiche antipopolari sul fronte casa, ha tergiversato, senza dare risposte chiare per quanto riguarda tempistiche e modalità con cui le istituzioni intendono far fronte all’ipotesi di chiusura della ASL. Ciò che il Comitato chiede è semplice: quali servizi alternativi per gli abitanti della zona? E soprattutto, perché spendere soldi per chiudere S.Rosa e aprire S.Giovanni di Dio quando si potrebbero spostare gli uffici dell’assessorato regionale direttamente in S.Giovanni di Dio? L’impressione degli abitanti presenti è che il Comune non abbia nessuna intenzione di smettere di sperperare soldi pubblici sulla testa delle persone ignorando i bisogni che esprimono, e abbia tutta l’intenzione di continuare a far finta di niente. Vengono spesi 3 miliardi di euro per grandi opere inutili come la stazione Foster e il sottoattraversamento TAV, ma quando si tratta della salute delle persone il piatto del Comune magicamente piange.

Come se non bastasse, Funaro ha tentato di prendersi gioco del Comitato invitando a “non strumentalizzare la questione” della ASL, ma soprattutto affermando l’insensatezza di “fare un’assemblea senza gli interlocutori competenti”. Forse si è dimenticata che alla scorsa riunione del Comitato era stata invitata la sua collega Stefania Saccardi, assessore alla Sanità per la Regione Toscana, la quale ha deliberatamente scelto di non presenziare?

Intanto i lavori del Comitato di Resistenza continuano e già per stasera l’appuntamento è alle 21:00 al Centro Anziani di via dell’Anconella 3 per una riunione in cui verranno discusse e organizzate le prossime forme di protesta contro la chiusura dell’ASL.